Tra realtà e Mistero. Tante le novità Milano Film Festival. Con una sezione speciale per gli spettatori più giovani con incontri a tema. 

Il Milano Film Festival è un’istituzione a Milano, che da 24 anni ha saputo portare agli appassionati di cinema pellicole e ospiti di qualità, offrendo in modo equilibrato sguardi sul cinema mainstream e su quello più di ricerca, difficile da scovare nei circuiti tradizionali. Anche per l’edizione 2019 (dal 4 al 10 ottobre) si preannunciano interessanti novità, a partire dalla sede. Si abbandoneranno infatti la formula consolidata delle location diffuse, per concentrare tutte le proiezioni nel centralissimo Cinema The Space Odeon, accanto a piazza Duomo.

Tra le novità interessanti – a misura di famiglia – c’è la sezione del milano film festivalino, dedicato ai giovani spettatori tra i 4 e 12 anni. Il programma, tra le tante proposte (all’interno della sala 2) prevede dei piccoli gioiellini di animazione come Robot and the Whale di Jonas Forsman (Svezia, 2018, 6.30 min.), delicata animazione sull’amicizia, e The Kite di Martin Smatana (Repubblica Ceca/Slovacchia/Polonia, 2019, 13 min.), corto in stop motion che racconta il rapporto tra nonni e nipoti, mostrato all’ultima Berlinale.

A rendere questo appuntamento ancora più imperdibile c’è una girandola di laboratori e talk gratuiti dedicati ai bambini e ai loro accompagnatori.  Una serie di iniziative organizzate dalla piattaforma di co-progettazione culturale The Playful Living. Una realtà che mescola saperi e capacità con l’obiettivo di portare il gioco nella vita quotidiana, per creare un legame solido tra adulti e bambini. Laboratori, talk e tavole rotonde si svolgeranno nel contesto di piccole scenografie evocative che permetteranno di allenare la fantasia e contribuiranno a creare il clima giusto per parlare anche di bisogni e paure di oggi. I temi saranno infatti: l’inclusione, con un incontro in collaborazione con Pio Istituto dei Sordi di Milano, la violenza verbale e ilcyberbullismo. Non mancheranno poi gli appuntamenti far assaporare ai più piccoli la magia del cinema come “Tacchini dallo spazio profondo” dove insieme ad animatori professionisti, sceneggiatori e musicisti si realizzerà un cartone animato. Come spiega Luca Fois, co-fondatore del progetto The Playful Living  si tratta di “iniziative che propongono la giocosità come categoria positiva del vivere. Il gioco è una continua relazione tra realtà e immaginazione. Nulla di più vicino al mondo dei film, lunghi o corti che siano, sia per adulti sia per bambini che vogliamo sempre più positivamente connessi”.