Apre a Firenze l’11° edizione de Lo Schermo dell’arte Film Festival, progetto internazionale dedicato alle molteplici interazioni tra cinema e arte che riunirà un ricco programma di film realizzati da artisti, documentari, cortometraggi, incontri con autori e curatori. Questo progetto è costituito di due grandi eventi: Lo schermo dell’arte Film Festival, l’appuntamento autunnale dove si riuniscono film documentari sull’arte contemporanea e film d’artista, accompagnati da incontri, tavole rotonde e lecture. E i progetti di formazione VISIO European Programme on Artists’ Moving Images, workshop per artisti under 35 che lavorano con le immagini in movimento, selezionati con una open call in collaborazione con alcune delle più importanti accademie, scuole d’arte e residenze per artisti europee; e Feature Expanded European Art Film Strategies, programma semestrale di training per artistiche desiderano realizzare il loro primo lungometraggio, in collaborazione con HOME Manchester, con il sostegno di Creative Europe/MEDIA.

“Lo schermo dell’arte è un progetto diventato in questi anni un punto di riferimento per chi in Europa lavora con le immagini in movimento. Sempre più proiettato a costruire relazioni con partner internazionali su progettualità future, dedica grande attenzione alla produzione delle giovani generazioni e alla visione degli artisti che raccontano una contemporaneità sempre più problematica e contradditoria”, dichiara la direttrice Silvia Lucchesi. “Siamo particolarmente contenti dell’edizione 2018 di VISIO e Feature Expanded. L’incremento delle collaborazioni istituzionali e delle domande di partecipazione ricevute quest’anno, dimostrano un crescente interesse da parte di artisti e professionisti per la progettualità sviluppata in questi anni. Poter seguire i successi internazionali di film che abbiamo contribuito a produrre, come quello di Gabrielle Brady vincitore al Tribeca Film Festival, è la soddisfazione più grande!” Leonardo Bigazzi, curatore. Protagonisti della Opening Night saranno il regista inglese Peter Greenaway che in una lecture presenterà il progetto del suo prossimo film Walking to Paris,  racconto del viaggio che, tra il 1903 e il 1904,il ventisettenne Costantin Brancusi intraprese a piedi dalla Romania, suo paese natale, per raggiungere Parigi, sua città d’elezione che lo vedrà affermarsi come massima figura del rinnovamento dell’arte del Novecento; e Zapruder che presenterà il work in progress del progetto Zeus Machine dedicato alle 12 fatiche di Ercole, celebrate in insolite ed attuali declinazioni.

Peter Greenaway
100 Piper

 Il Focus 2018sarà dedicato all’artista italiana Rä Di Martino, la cui produzione si muove tra installazione, fotografia e cinema, e riunirà sette cortometraggi realizzati tra il 2001 e il 2017. Inoltre sarà presentato in prima mondale il suo nuovo film100 Piper. Breve storia del Piper di Torino (1966- 1969) in cento frammenti nel quale l’artista interpreta in chiave personale le atmosfere della celebre discoteca torinese attraverso la riattivazione di materiali di archivio. In programma film lunghi e cortometraggi tra film d’artista e documentari. Tra le anteprime italiane il lungometraggio Kusama-Infinity(2018) di Heather Lenz dedicato alla novantenne artista giapponese Yayoi Kusama, una delle figure più celebri della scena contemporanea, che dal 1977 vive per sua scelta nell’ospedale psichiatrico Seiwa ma dipinge quasi quotidianamente nello studio a Shinjuku.                                                                

 Il toccante Island of the Hungry Ghosts(2018) dell’artista australiana Gabrielle Brady, nella shortlist dei premi dell’Australian Academy of Cinema and Television Arts, vincitore di numerosi riconoscimenti tra cui il Best Documentary Feature Award del Tribeca Film Festival 2018.  Girato a Christmas Island nota per il fenomeno della migrazione di milioni di granchi dalla giungla al mare, il film, sviluppato all’interno del programma Feature Expanded 2015 dello Schermo dell’arte, narra l’esperienza di una giovane psicologa impegnata nel dare sostegno ai migranti che lì arrivano da tutto il Medio Oriente; The End of Fear(2017) di Barbara Visser che ricostruisce, a distanza di oltre vent’anni, la vicenda dello scempio subito nel 1986 dal celebre dipinto Who is Afraid of Red, Yellow and Blue III dell’astrattista americano Barnett Newmanconservato allo Stedelijk Museum di Amsterdam; Love Cecil di Lisa Immordino Vreeland,Stati Uniti (2017),che racconta la complessa personalità e il talento del designer e fotografo di moda Cecil Beaton, ritrattista ufficiale della Regina Elisabetta, attraverso rari materiali di archivio e brani tratti dai suoidiari.

Inoltre Moriyama-san(2017) di Ila Beka e Louise Lemoineche ha ricevuto il primo premio al Film Festival di Architettura di Lisbona. Il film è dedicato a Yasuo Moriyama, eremita urbano di Tokyo appassionato di musica noise, che vive in una casa disegnata dall’architetto Ryūe Nishizawa, considerata un esempio dell’architettura giapponese contemporanea; Monelle (2017) di Diego Marcon, a metà tra film strutturale e film horror, girato nella celebre Casa del Fascio dell’architetto Giuseppe Terragnia Como; New Palermo Felicissima (2018) di Jordi Colomer, artista che ha rappresentato la Spagna all’ultima Biennale di Venezia,realizzato per Manifesta 12, sorta di visita alternativa via mare della zona di Palermo a sud di Sant’Erasmo omessa dalle guide turistiche.

Blue by Apichatpong Weerasethakul_
Who was the last to have seen the horizon by Driant Zeneli-Courtesy Hestia Belgrade
uperdesigner_1 Original promotional photo for the Up 5 & 6 chairs, Gaetano Pesce,

In programma inoltre la IV edizione diFeature Expanded. Art Film Strategies, progetto di formazione diretto da Sarah PerksLeonardo Bigazzie sostenuto da Creative Europe/MEDIA, che porterà a Firenze 12 artisti internazionali che desiderano realizzare il loro primo lungometraggio e che assegnerà quattro premi: Feature Expanded Distribution Award; Feature Expanded Development Award, Ottod’Ame Film Award, SUB-TI Award; la VII edizione diVISIO. European Programme on Artists’ Moving Images, curata da Leonardo Bigazzi, rivolto alle giovani generazioni di artisti che lavorano con video e cinema, che conferma il VISIO Young Talent Acquisition Prize della Seven Gravity Collection. La open call del progetto ha ricevuto 90 candidature provenienti da 32 paesi diversi; le installazioni video e i film dei 12 artisti selezionati per VISIO saranno protagonisti della mostra European Identities. New Geographies in Artists’ Film and Video cheinaugurerà martedì 13 novembre alle Murate Progetti Arte Contemporanea; la II edizione del progetto Moving Archive che propone film dell’archivio del festival in biblioteche e istituzioni della Cittàmetropolitana di Firenze.

Lo schermo dell’arte Film Festival – XI edizione diretto da Silvia Lucchesi Firenze, Cinema La Compagnia e altri luoghi 14 -18 novembre 2018

www.schermodellarte.org  

#schermoarte