Nel mese di gennaio 2019 si è celebrato il cinquecentenario della morte dell’imperatore Massimiliano I e la città di Innsbruck ha messo in pista un nutrito calendario di eventi per festeggiarlo, tra cui una quindicina di mostre. Del resto, la morte di un’Imperatore come Maximilian non poteva che dare il via a una grandiosa serie di celebrazioni, considerando il forte legame dell’imperatore con il capoluogo Tirolese. Sotto il dominio di Massimiliano I, infatti Innsbruck divenne centro nevralgico della politica dinastica degli Asburgo. Ma non solo. Egli fu precursore di una nuova dimensione della cultura e della politica in Europa. Innsbruck è stata la sua residenza prediletta, e sono molti i segni che Massimiliano I ha lasciato in Tirolo: dal tettuccio d’oro, simbolo della città di Innsbruck, dall’Hofburg alla Hofkirche, rispettivamente la residenza imperiale e la chiesa di corte.

Da non perdere, dunque, una visita al Tettuccio d’Oro, con le sue 2.567 tegole placcate d’oro in stile tardo gotico. Costruito su progetto dell’Imperatore,con lo scopo di lasciare un ricordo suggestivo della città a tutti i viaggiatori che facevano tappa a Innsbruck, cattura l’attenzione con il suo parapetto affrescato con rilievi che raffigurano l’imperatore Massimiliano I con le sue mogli Maria di Borgogna e Bianca Maria Sforza Schloss Ambras,invece, il castello di Innsbruck, ha inaugurato ad aprile la mostra, Zu lob un esiger Gedachtnus (“A lode e perpetua memoria“) incentrata sulle opere artistiche dedicate a Massimiliano, che giunsero al castello di Ambras per mano del pronipote, l’arciduca Fedrinando II. La mostra è aperta fino a ottobre 2019. Molto interessante anche l’esposizione alla Zeughaus di Innsbruck, l’antico arsenale della città ora museo regionale. L’arsenale era stato fatto costruire da Massimiliano all’inizio del Cinquecento a e custodiva gli armamenti dell’esercito imperiale con i suoi celebri cannoni.

L’esposizione intitolata Des Kaisers Zeug, è aperta fino al 3 novembre 2019 e ruota intorno alla storia dell’edificio. Dal 25 maggio al 12 ottobre, infine,  l’Hofburg di Innsbruck presenta la mostra Mazimiliam I – Aufbruch in die Neuzeit  dedicata al ruolo fondamentale dell’imperatore come statista, politico e uomo di cultura, nel passaggio tra il medioevo e l’età moderna. Un’evento multimediale che mette anche in luce la politica matrimoniale messa in atto dall’imperatore per aumentare il potere della sua casata e mostra alcuni aspetti della vita di corte.

 

https://www.innsbruck.info/it/