fbpx

2   +   5   =  

La collezione SS 2023 è un canto sospeso di quello che aveva concepito il compianto Virgil Abloh e ci fa riflettere l’incerto futuro della Maison, sprovvista di un direttore creativo, di così ampio spessore intellettuale.

Quello che succede dopo l’improvvisa scomparsa di Virgil Abloh lo scorso novembre nella Maison Louis Vuitton è sempre una domanda che gira tra le file dei buyer e degli addetti stampa, dopo aver visto la coppia di memoriali uno a Miami pochi giorni dopo la morte di Abloh e a Parigi lo scorso gennaio.

La collezione che ha sfilato oggi sembra un pezzo delle sue precedenti stagioni, dove si enfatizza il monogramma dando priorità all’abbigliamento outdoor rispetto alla sartoria, anche se rimane il concetto di grande ricerca di qualità del tessuto e della cura dei dettagli.

In totale hanno sfilato 43 look che possono essere ripartiti in due archetipi: lo studente di musica che si reca al conservatorio e quello che frequenta i concerti live.

Sulla musica, base essenziale e ricercata da parte di Abloh, notiamo le ali di angelo del suo spettacolo autunnale postumo, gli intarsi delle farfalle che decorano le maglie, mentre il tie-dye, motivo suo preferito, che ritorna sul denim e il paile.

Per quanto prolifico e laborioso era Abloh, la domanda che aleggia, dopo questo show, è chi sarà il vero successore e chi sarà capace di sviluppare quel stesso linguaggio che aveva contribuito alla sua affermazione, certamente non sarà facile.

Intanto prolificano mostre come quella che si è aperta venerdì scorso a New York “Air Force 1” di Virgil Abloh di Louis Vuitton e Nike e il mese prossimo saranno vendute nove edizioni di Louis Vuitton e Nike Air Force 1 di Abloh con un prezzo di partenza di 2000 dollari mentre quella con il monogramma LV e il check damier sarà offerta per un prezzo di 199,999,98 dollari.

Il lavoro e il pensiero di Abloh era un’espressione di grande libertà individuale che gli conferiva valore solamente con l’uso finale di chi sceglieva un abito o un accessorio per farlo diventare unico, portandoci ad esplorare nuovi codici di abbigliamento per scrivere tutte le fasi di crescita dell’incontro dalla fanciullezza all’età adulta dell’incontro tra uomo e vestito.

Numerose le celebrities nel front row dello show: da Jessica Biel a Justin Timberlake, da Naomi Campbell a Tyga.

di Alberto Corrado